Perché leggere PROGENIE DEGENERE?

Non è un libro buonista, tantomeno un racconto romanzato a tinte rosa o uno storico polpettone variegato di copia-incolla e codizionamenti storicistico-ambientali; neanche si pone come riscatto ad un senso di colpa latente o acclarato, di cui il protagonista è assolutamente privo. Certo l'irragionevole troverà una spiegazione, un epilogo, ma non è questo il punto. Ho raccontato una storia senza sentirmi "giudice". Ho guardato con gli occhi del male una realtà divenuta adulta dopo l'abuso e di come l'abuso sia capace di mescolare sangue e sensi, anche là dove l'amore non c'entri. C'è una strana e insana empatia tra Samuel ed Ela, morbosa e gridata per lui (Samuel), silenziosa e invasiva per lei (Ela). Sono stati generati dal male ed è dal male che degenerano.

.

lunedì 14 novembre 2016

APATIA

Imperversa la noia. Pensieri muti e frasi spezzate. Fogli sporchi di caffè e una luce troppo forte per i miei gusti. Apatia, amica mia! Ne abbiamo perse di giornate. Io a recuperare l'irrecuperabile e tu a rubarmi i respiri. Lo stesso ho bisogno di te. Ritrovo quello che mi hai dato, dopo averlo cercato tra i libri impolverati, con pagine segnate da eventi che credevo capaci di cambiarmi. Hai fallito amica mia... hai fallito! Te lo dico senza cinismo, rimarcando il numero di quella pagina (sempre la stessa). Lui c'era ancora. La sua ragione poteva essere quella della mia esistenza, ma avere il coraggio di annullarsi non è coraggio. Si è soli anche tra la gente... e intanto l'acqua scorre. Solo allora ricordo e torna un tempo: il mio.

 

 

I miei romanzi:

PROGENIE DEGENERE - L'origine del male.

NORA DAREN - Il Corpo, il suo Supplizio

 

venerdì 2 settembre 2016

NELLA TESTA DI UNA DONNA RAFFINATA

L'ennesima toilette da autostrada alla stregua di una latrina. A precedermi un ragazzo, tiene per mano sua figlia. Fosse stata la mia, l'avrei fatta pisciare in macchina. Entro, ma non tocco praticamente niente: salviette antibatteriche, contenitore dove piscerò eludendo e scongiurando possibili infezioni. Mi passano per la testa tanti di quei pensieri che sono già distratta dal vociare insistente della gente al bar. Lui prende un Gratta e Vinci  e in macchina esulta: "Ho vinto 500 euro!...", non si fida di niente e nessuno e aggiunge "... mettilo qua, mettilo là...", e si riparte. Freccia a sinistra. Di nuovo in autostrada a contare i sorpassi. Quanto mi piace guidare! Metto insieme tutti i pezzi e realizzo che Roma sia vicina, a conferma l'asettica voce del navigatore. Il sole in faccia e la costipazione intestinale già in atto. Per due giorni di cacare non se ne parla proprio: senza il mio bagno è una tragedia. MRosariaC

 

I miei libri:

PROGENIE DEGENERE - L'origine del male.

Nora Daren. Il corpo, il suo supplizio

lunedì 13 giugno 2016

venerdì 3 giugno 2016

UN PUNTO FERMO


Ho ripreso a scrivere, ritagliandomi un po' di tempo dopo i pasti e verso sera, quando i rumori stranamente tacciono e c'è solo la scelta della musica giusta. Come una medicina il desiderio di scrivere arriva. Quello che scrivo a volte mi stupisce negativamente. C'è una parte di me che non si pone censure, che ha bisogno di rendere il racconto avulso da inibizioni. Senza freno, vago libera nei meandri più oscuri della mia indole. Non la sola ricerca della memoria, perché tutte le porte sono come spalancate. Mi cerco e mi trovo. Che strana che sono! Del resto lo sono sempre stata. Credo a quello che sento, ma sono quello che immagino. Le parole appagano più del cibo. MRosariaC



I miei libri:

PROGENIE DEGENERE - L'origine del male.

Nora Daren. Il corpo, il suo supplizio


sabato 9 aprile 2016

LO STRANO NUTRIMENTO

Si arriva a non provare più dolore e nell'indifferenza capisci che la vita ha vinto. Tutto quello che cambia è perdente. Vince solo chi non si allontani da se stesso. Ma quale vittoria? Quella che non ti arricchisce nel materiale, non ti alimenta nel letterale e lo stesso aggrada. Un nutrimento strano, che ha radici nell'orgoglio come l'ignoranza. Chi non sa non si chiede e se non ti pieghi... non cambi. MRosariaC 

 

sabato 19 marzo 2016

UN RICORDO SPEZZATO

Ci sono memorie che ti arrivano in faccia e altre che ti camminano a fianco. Non vicino da potersi respirare, solo il giusto per sbirciare e scorgerne la forma, l'insicurezza, il disagio. Due strade che potevano essere una, se si guarda nella stessa direzione. Memorie interrotte da luoghi comuni, pregiudizi sociali... e intanto i margini si allontanano, senza il tempo di spiegare. Tutto è cambiato, noi lo siamo, cambiati. Viviamo altro, giustificando l'incompiuto come l'ennesima possibilità, per poi rassegnarci all'idea che tutto sia una perdita di tempo. MRosariaC


venerdì 11 marzo 2016

CONCORSI LETTERARI IN SCADENZA

1. Il premio riguarda:
a) la composizione di novelle con tematiche, luoghi e situazioni attuali
b) un romanzo di carattere sentimentale
con lo scopo di realizzare una pubblicazione di un romanzo e una raccolta in formato eBook da presentare nelle piattaforme più importanti a livello internazionale...
 9. La partecipazione comporta un contributo di 15 euro per i romanzi e 10 euro per ogni racconto presentato.
Il termine perentorio di invio delle opere è alle ore 24.00 del 30 aprile 2016.

Il Premio Letterario La Giara bandito da RAI COM- Rai Eri, alla sua quinta edizione è stato ideato per dare spazio e visibilità a giovani potenziali scrittori presenti su tutto il territorio nazionale. Il premio vuole essere un vero e proprio osservatorio capillare sulla narrativa giovanile attraverso il supporto delle sedi regionali Rai...

III Ragunanza di Poesia. Terza Ragunanza di Poesia. Scadenza: 31 Marzo 2016. Tassa di iscrizione: 10 euro.

mercoledì 9 marzo 2016

DIARIO DI CINISMO QUOTIDIANO

Gli anarchici che furono, hanno messo su panza. Si sono accasati con una ciaciona danarosa e quindi (forse) non lavorano. Di certo vanno al bar, a parlare di tasse, governo, donne, quelle degli altri; tutte puttane tranne le loro, che quando ancora erano verdi esibivano come carne da macelleria. Trofei opulenti, volgare paradigma di una condizione vitale, dove se non mangi cadaveri di animali non puoi ridere dei vegetariani, vegani e celiaci. Povero anarchico che fu, voleva sfondare, essere, cambiare il precostituito e ha finito con l'assomigliare a un criceto bulimico. MRosariaC

CORREZIONE GRAMMATICALE E SINTATTICA. EDITING...